Muffa e isolamento termico

Muffa e isolamento termico

Oggi vi voglio parlare di un argomento un po’ particolare che chi sa quante volte vi siete trovati ad averci a che fare senza sapere la soluzione : la muffa sui muri .

Soprattutto nella stagione molto umida e piovosa si possono formare antipatiche e antiestetiche macchie di muffa sui muri , specialmente quelli poco isolati dove si formano i cosiddetti Ponti termici , cioè consistenti sbalzi di temperature tra interno ed esterno.

Le muffe altro non sono che dei microorganismi viventi, sostanzialmente delle spore e batteri che trovano ambiente favorevole nelle zone fredde e umide dei muri nutrendosi di acqua e altre sostanze.

Le pareti ed i muri esposti a nord, poco o per niente isolati termicamente , o con piccole infiltrazioni , sono l’ideale per il loro proliferare.

Esteticamente la muffa si presenta prima come dei piccoli puntini scuri che poi si trasformano in vere macchie più visibili provocando in alcuni casi lo sfaldamento dell’intonaco.

Se non sai come fare a togliere queste fastidiose macchie procurati il materiale elencato e segui questi semplici consigli .

Assicurati di avere a portata di mano:

• spruzzino
• acqua
• candeggina/varecchina

Come è noto, la muffa non rappresenta unicamente un disagio estetico ma contribuisce a rendere insalubre l’ambiente recando un danno latente all’apparato respiratorio.

Le spore, essendo microrganismi piccolissimi oltre che insani fluttuano leggere disperdendosi nell’aria. E’ inevitabile l’assorbimento a carico dei polmoni che a quel punto diventano terreno fertile per lo sviluppo di asma bronchiale , eczemi ,tosse e altre patologie analoghe.

Le zone più colpite sono prevalentemente gli angoli tra pavimento e parete e tra parete e soffitto . Il fenomeno è dato da una combinazione di più fattori , l’umidità presente nell’aria che si condensa nei punti  piu freddi della casa a causa di uno scarso o nullo isolamento termico .

Se aggiungiamo anche un impianto di riscaldamento poco efficiente o inadeguato ed uno scarto evidente di temperatura tra le stanze che non dovrebbe mai superare i 2/3°C , abbiamo individuato le più comuni cause di muffa su cui intervenire.

Per togliere le antipatiche macchie devi dotarti di due ingredienti principali e facilmente reperibili, acqua , possibilmente tiepida, e candeggina . Puoi metterle insieme in uno spruzzino ed arrivare nei punti dove togliere le macchie.

Ora devi togliere le macchie di muffa con una spugna per rimuovere le parti più grosse, usando dei guanti per le mani per evitare irritazioni e mascherina per protezione del naso e bocca.

Si tratta quindi di lavare la parete con una miscela a base di ipoclorito di sodio (candeggina) , spruzzando il liquido direttamente sul muro e passando sopra la spugna per sbiancarle ; probabilmente dovrai passarci sopra più di una volta .

L’ultima operazione è la pittura della parete. Procedi quindi a ritinteggiare con l’idropittura murale bianca antimuffa di alta qualità .

Devi considerare che probabilmente la macchia non scomparirà del tutto ma la disinfezione della zona e l’intonaco nuovo permetteranno di migliorare la salubrità del luogo.

Alcuni semplici accorgimenti ti aiuteranno inoltre a ritardare la formazione della muffa :

1.Aerare quanto più possibile le stanze;

2. Evitare l’asciugatura dei panni in casa;

3. Azionare la cappa d’aspirazione sul piano cottura mentre cucini;

4. Non eccedere con le piante d’appartamento.

Questi sono solo alcune cose elementari che puoi fare da solo per eliminarla momentaneamente dalle pareti  e per ritardarne la sua successiva formazione , ma non la eliminerai definitivamente. Per eliminarla definitivamente ci vogliono interventi molto più complessi di isolamento termico , eliminazione dei ponti termici , ventilazione meccanica controllata ecc ecc , che solo un tecnico esperto o un’azienda attenta a queste problematiche come ALCA srl saranno in grado di fare .

Noi di ALCA srl Soluzioni Edili ed Energetiche  siamo  esperti nel risanare gli  ambienti dalla muffa con interventi più importanti e definitivi .

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>